preloader
Scroll to top
EXIMAG | BUSINESS UNDER CONTROL
it

I mezzi di trasporto ai tempi del Covid


Vanessa Lonardi - 2 Settembre 2020 - 0 comments

L’uscita delle Linee guida relative al trasporto pubblico emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti fa sperare in una ripresa del settore trasporti già duramente provato dal periodo emergenza COVID-19.

Prima il lockdown che ha visto un fermo di molte attività, con le persone chiuse a casa per ridurre i rischi di contagio, poi scetticismo e paura nei confronti dell’utilizzo di autobus, tram, treno, metro per spostarsi da un luogo a un altro, prediligendo quando possibile altri mezzi privati.

Ora si aggiunge l’incognita della ripresa della scuola, con conseguente timore della percentuale di occupazione di un mezzo pubblico in determinate fasce orarie della giornata. Nelle linee guida si parla di capienza fino a un massimo dell’80%, con distanziamento di almeno un metro fra un passeggero e l’altro e con l’utilizzo di mascherina; ci sono ipotesi sull’installazione di separazioni removibili tra i sedili ed altri dispositivi di protezione a discrezione delle aziende di trasporto.

In tutto questo scenario quanto può venire in soccorso la tecnologia?

Ristabilire fiducia nel passeggero garantendo un habitat del mezzo pubblico sicuro è possibile, anche alla luce del fatto che oggi la necessità è proteggersi dal Covid-19, domani potrebbe essere qualche altro potente virus. Non dimentichiamoci, inoltre, del bisogno costante delle persone di sentirsi al sicuro anche contro furti o altre situazioni che possano generare panico mentre si viaggia su un mezzo pubblico.

Quali sono, a nostro avviso, gli strumenti che caratterizzano l’identikit del mezzo pubblico “sicuro”?

Ecco alcuni esempi:

  • Rilevazione automatica biometrica della temperatura corporea all’accesso sul mezzo con alert in caso di temperatura oltre il limite stabilito
  • Rilevazione automatica mascherina indossata con alert in caso di mancata rilevazione
  • Monitoraggio dedicato al conteggio delle persone in entrata, in uscita e all’interno del mezzo
  • Possibilità di definire un numero massimo di persone consentite sul mezzo, con gestione automatizzata di accesso sul mezzo e con alert in caso di raggiungimento massimo di capienza
  • Gestione automatica distanziamento tra le persone e monitoraggio assembramenti con invio alert verso sistema centralizzato
  • Sistema di sanificazione attiva dell’aria h24 all’interno dell’abitacolo
  • Rilevamento oggetto abbandonato
  • Rilevazione situazioni di panico

Un identikit futuristico?

Assolutamente no! Queste sono alcune delle soluzioni innovative già fruibili, semplici alluso, pensate per intervenire senza stravolgere le regolari attività di gestione e utilizzo dei mezzi pubblici, regolandone l’accesso, la sicurezza e il controllo degli spazi, attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale e di sistemi integrati.